Scoprire la Sardegna.NET

By SARDINIA PORTAL WWW.SARDINIAPORTAL.COM
Carattere

Morgongiori

Morgongiori Ŕ un paese della provincia di Oristano, appartenente alla regione storica della Marmilla, nella parte centro occidentale della Sardegna. Confina con i territori di Ales, Santa Giusta, Marrubiu, Uras, Masullas, Siris, Pompu e Curcuris. Adagiato a circa 350 metri d┤altitudine alle pendici del Monte Arci, e cinto da impervi ma suggestivi tratti rocciosi, Morgongiori possiede un territorio collinare immerso in una incontaminata e folta vegetazione di boschi di lecci e querce e delle essenze della profumata macchia mediterranea. Morgongiori presenta un grazioso centro storico con antiche casette tradizionali e caratteristici portali in legno.

Come arrivare a Morgongiori:

In auto:
- da Cagliari si percorre la SS 131 in direzione Oristano, passando poi per Santa Giusta, Marrubiu, Uras e Masullas sino ad arrivare a Morgongiori.
- da Sassari si percorre la SS 131 in direzione Oristano, proseguendo poi per Santa Giusta, Marrubiu, Uras e Masullas sino ad arrivare a Morgongiori.
- da Oristano si percorre la SS 131 passando per Santa Giusta, Marrubiu, Uras e Masullas sino ad arrivare a Morgongiori.
- da Nuoro si percorre la SS 131 in direzione Oristano, proseguendo poi per Santa Giusta, Marrubiu, Uras e Masullas sino ad arrivare a Morgongiori.

La Storia:

Morgongiori durante il periodo medievale apparteneva alla curatoria di Montis o Montangia, nel Regno giudicale di Arborea.
Nel 1410 divent˛ un paese del Regno catalano-aragonese di Sardegna, e venne governato dalla Corona fino al 1430 quando fu dato a Eleonora Manrique in occasione delle sua nozze con Berengario Bertran Carroz, entrando quindi a far parte della contea di Quirra.
Nel 1511 Morgongiori venne acquistato da Guglielmo Raimondo Centelles, mentre nel 1674 fu acquisito da Francesco Pasquale Borgia. Nel 1726 Morgongiori pass˛ alla famiglia dei CatalÓ, quindi nel 1798 agli Osorio de la Cueva e rimase in loro possesso fino al riscatto del 1838. Morgongiori appartiene alla Diocesi di Ales.

 

Multimedia

Vedi la Galleria Fotografica

 
 
 
Share on Google+
condividi su twitter