Scoprire la Sardegna.NET

By SARDINIA PORTAL WWW.SARDINIAPORTAL.COM
Carattere

Isili

Isili è un importante e grande paese della provincia di Cagliari, compreso nella regione del Sarcidano, nella Sardegna centro- meridionale. Confina con i territori di Nurallao, Laconi, Nuragus, Nurri, Escolca, Villanovatulo, Gesturi, Gergei e Serri. Situato ad un’altezza di 523 metri d’altezza, possiede un territorio caratterizzato da ampie valli e alti rilievi collinari e dall’inconfondibile presenza dei tacchi del Sarcidano, altopiani calcarei che racchiudono fertili pianure, zone ricche di macchia mediterranea, rigogliosi boschi di leccio, roverelle e pioppi. Isili è un centro moderno e vivace, particolarmente conosciuto per la produzione tessile e la lavorazione del rame.

Come arrivare a Isili:

Il trenino arriva direttamente a Isili.
In auto:
- da Cagliari si percorre la SS 131 sino allo svincolo sulla SS 128 per Senorbì. Si prosegue per Mandas per poi arrivare a Isili.
- da Sassari si percorre la SS 131 arrivando allo svincolo per Uras, continuando per Ales, Senis, Nuragus per poi arrivare a Isili.
- da Oristano si percorre la SS 131 arrivando allo svincolo per Uras, continuando per Ales, Senis, Nuragus per poi arrivare a Isili.
- da Nuoro si va in direzione Fonni, proseguendo verso Sorgono, Atzara e Nurallao , per poi arrivare a Isili.

La Storia:

Il toponimo ha verosimilmente origine prelatina. Isili appartenne alla curatoria o parte Valenza del regno giudicale di Arborea fino al 1206, quando passò nella curatoria di Siurgus nel regno giudicale di Calari. Nel 1258, con la tripartizione del Giudicato, entrò a far parte del Regno di Arborea e nel 1295 divenne un possedimento coloniale oltremarino della Repubblica di Pisa. Dal 1324 appartenne al regno catalano-aragonese di Sardegna, ma a causa della guerra tra il Regno di Sardegna e il Regno di Arborea, il feudo tornò ad essere fra il 1365 e il 1409 un paese del Regno di Arborea. In seguito Isili andò a far parte del Regno di Sardegna e nel 1416 venne concesso a Giovanni Corbera che poi lo vendette a Ludovico Potons. Egli nel 1421 lo cedette ai Sena, feudatari di Laconi, che a loro volta lo vendettero a Niccolò Carroz. Pertanto il paese entrò a far parte del regno di Mandas. Ai Carroz succedettero i Maza, i Ladron, divenuti nel 1614 duchi di Mandas e gli Zuniga. Infine dal 1777 il feudo passò ai Tellez Giron fino al suo riscatto avvenuto nel 1843. Isili fa parte dell'Archidiocesi di Oristano.

 

Multimedia

Vedi la Galleria Fotografica