Scoprire la Sardegna.NET

By SARDINIA PORTAL WWW.SARDINIAPORTAL.COM
Carattere

Sestu

Sestu è un centro della provincia di Cagliari, situato nella parte meridionale del Campidano. Confina con i territori di Cagliari, Monastir, San Sperate, Assemini, Elmas, Selargius, Settimo San Pietro e Serdiana. La cittadina è posta su una collina, in un zone pianeggiante particolarmente fertile. Nel centro storico del paese ancora si conservano tradizionali case con giardino interno chiuso fai caratteristici portali in legno. Sestu si presenta oggi come una moderna e attiva cittadina, caratterizzata da una sempre maggiore espansione delle attività commerciali e produttive ed è interessata inoltre da una forte realizzazione di insediamenti abitativi.

Come arrivare a Sestu:

In auto:
- da Cagliari si percorre la SS 131 fino al bivio per Sestu.
- da Sassari si percorre la SS 131 in direzione Cagliari, fino ad arrivare al bivio per Sestu.
- da Oristano si percorre la SS 131 fino ad arrivare al bivio per Sestu.
- da Nuoro si percorre si percorre la SS 537, si prosegue sulla SS 131 in direzione Cagliari, fino ad arrivare al bivio per Sestu.

La Storia:

Il nome di Sestu deriva dalla locuzione 'ad sextum lapidem', che ne sanciva la distanza di sei miglia da Cagliari. Durante il periodo medievale faceva parte della curatoria di Campidano, nel regno giudicale di Calari e nel 1258, concluso questo stato, appartenne al regno catalano- aragonese di Sardegna. Nel 1257, in seguito alla caduta del Giudicato, il villaggio fu compreso nei possedimenti coloniali oltremarino della Repubblica di Pisa. Dal 1324 diventò un paese del Regno catalano-aragonese di Sardegna e insieme agli altri compresi nella baronia di San Michele venne concesso in feudo al conte di Quirra Berengario Carroz. Nel 1603 il marchesato di Quirra e Sestu passarono prima ai Centelles, e poi agli Osorio della Cueva, fino al suo riscatto, avvenuto nel 1839. Infine, nel 1940 divenne comune autonomo. Sestu fa parte dell'Archidiocesi di Cagliari.

 

Multimedia

Vedi la Galleria Fotografica

 
 
 
Share on Google+
condividi su twitter